immagine-logo

Il seguente articolo è stato copiato dal sito dell’ENEA, e specificatamente l’indirizzo del sito è: http://titano.sede.enea.it/Stampa/index.php.
Questo articolo parla brevemente delle metodologia usata dai ricercatori dell’ENEA per depurare l’acqua potabile dall’arsenico, e guarda caso il metodo usato è quello ad osmosi inversa..
L’ENEA è un ente statale, e suona alquanto strano che questi ricercatori usino l’osmosi inversa per la potabilizzazione delle acque e lo stato nelle vesti dei vari comuni cerchino altre soluzioni e si inventino grottesche interviste televisive in cui cercano di spiegare che l’arsenico non è poi così pericoloso e che si trova li quasi per caso, etc etc …
L’ho copiato qui integralmente perché l’ho trovato assolutamente interessante e quindi era inutile che aggiungessi altre parole, in quanto è abbastanza chiaro di per sé…
L’unica cosa che mi permetto di dire e che trovo un po’ comica, è che l’articolo comincia con la frase “ un innovativo processo di abbattimento dell’arsenico…….” L’osmosi non è affatto innovativa, ma questo sito è il sito che riguarda i comunicati stampa e quindi presumo debbano essere “gentili” e diplomatici, e ovviamente non potrebbero dire che conoscono questo processo come le loro tasche, se no qualcuno potrebbe obbiettare sul perché non viene usato dai comuni italiani…ma non credo che questo dipenda dai tecnici dell’ENEA,anzi, togliamo il non credo, e mettiamo ne sono sicuro…
Comunque l’articolo è questo…
Buona lettura.

….. Un innovativo processo di abbattimento dell’arsenico dall’acqua potabile in grado di ridurre il contenuto di arsenico al di sotto dei 10 microgrammi per litro richiesti dalla legge: è quanto hanno realizzato i ricercatori ENEA dei laboratori del centro della Casaccia.
La sperimentazione è stata condotta proprio sull’acqua di falda del Centro Ricerche della Casaccia (vicino Roma) che presenta un contenuto di arsenico di poco superiore al limite di legge: i risultati, con l’abbattimento dell’arsenico fino al 99 %, sono stati molto interessanti.
Per rimuovere dalle acque le sostanze inquinanti i ricercatori ENEA hanno utilizzato tecnologie separative mediante membrane, in particolare ad osmosi inversa: a queste saranno accoppiati adeguati sistemi di miscelazione con acqua non trattata per il mantenimento del giusto contenuto salino richiesto dall’acqua potabile e di controllo on-line del processo.
Sulla base di queste ricerche è ora in via di realizzazione un impianto di trattamento dimensionato a produrre 5 metri cubi all’ora di acqua potabile da utilizzare prioritariamente per la mensa aziendale del Centro Ricerche della Casaccia.
L’approccio adottato da ENEA non ha alcuna limitazione di scala produttiva, quindi potrebbe essere applicato in molte realtà del nostro Paese, da comuni con 1.000 i fino a quelli con molte migliaia di abitanti.
Il problema della elevata concentrazione di arsenico nell’acqua potabile, sia pure per cause del tutto naturali e non per contaminazione da parte dell’uomo, è estremamente attuale nel nostro paese. In questo momento, sono numerosi i comuni italiani che si trovano nell’impossibilità di utilizzare l’acqua di rete proveniente da falde sotterranee e da acquedotti, perché essa supera il limite di arsenico consentito.

Roma, 28 Gennaio 2011

Annunci